5 errori che ti impediscono di migliorare in inglese

Stai imparando l’inglese e vuoi ovviamente che il tuo studio sia produttivo ed efficace. Ecco perché è giusto che tu stia attentə a non cascare in uno di questi cinque errori che ti impediscono di migliorare il tuo apprendimento linguistico e fare vero progresso.

Errori mangia-tempo

Li definisco errori mangia-tempo perché ti danno la parvenza di apprendimento, ma in realtà ti fanno perdere solo tempo. Tu dedichi tutte le tue energie a questi esercizi, ma non ti portano nessun beneficio.

Questo ti farà sentire scoraggiatə, demotivatə e ti spingerà a lasciar perdere e buttare all’aria tutti i tuoi sforzi fatti finora.

Vediamo quindi quali sono i cinque errori mangia-tempo che ti impediscono di migliorare in inglese – ma soprattutto, vediamo quali sono le soluzioni!

Errore 1: studiare solo grammatica

Un errore che commettono tantissimi studenti è pensare che la grammatica sia il santo Graal che permetterà di raggiungere la fluency in men che non si dica.

Un mio studente, prima di cominciare il suo percorso di coaching 1:1 Homemade English con me, si era convinto che l’unico modo per “passare di livello” era immergersi nei libri di grammatica e studiare tutte le regole ed eccezioni possibili ed immaginabili. La pratica? Faceva solo quella sui libri: penna in mano e soluzioni a fine libro.

Bisogna capire che la grammatica deve essere studiata per comprendere i meccanismi e la formazione della lingua, ma che il vero passe-partout è la pratica. Dove molti pensano di dover studiare le regole e aspettare di sentirsi pronti per parlare in inglese, chi ottiene i veri risultati è chi comincia a fare pratica dal giorno 1.

L’ordine non è: studio della grammatica – pratica, ma pratica – studio e consolidamento della grammatica – altra pratica.

La prossima volta che ti sentirai in dovere di fare qualche ora di esercizi grammaticali per sentirti in pari con l’inglese, prova invece a metterti alla prova parlando per qualche minuto davanti allo specchio o con un amico. Saranno questi gli esercizi pratici che ti faranno fare vero progresso.

Errore 2: lunghe sessioni di studio

Altro errore comune che ti impedisce di migliorare in inglese è pensare che fare lunghe sessioni di studio (magari di sola grammatica!) sia l’equivalente di una pratica costante e continua.

La verità è che una lingua straniera va imparata grazie a tre elementi imprescindibili:

  • pratica
  • costanza e
  • tempo.

La soluzione sta nell’inserimento della lingua straniera nella vita di tutti giorni, attraverso attività coinvolgenti e interessanti per lo studente. Non viene richiesto di fare lunghe sessioni di studio ogni giorno, ma di fare almeno 15 o 20 minuti di esercizio vario e produttivo.

Errore 3: limitarsi alle skills passive

“Ma fai esercizio?”

“Certo! Leggo e ascolto qualcosa tutti i giorni!”

Grazie, non basta mica! Reading e listening sono skills passive, di acquisizione della lingua!

A noi deve interessare un apprendimento a 360° della lingua, inserendo quindi esercizi che stimolano e migliorano tutte le skills, incluse quelle di produzione.

Ricapitolando, ci sono quattro skills nelle lingue straniere:

  • 2 attive, o di produzione:
    • writing
    • speaking
  • 2 passive, o di acquisizione:
    • listening
    • reading

Abilità dello studente sarà coinvolgere tutte quattro le skills, insieme o singolarmente, per migliorare nel proprio apprendimento sotto tutti gli aspetti. In questo modo non si avrà una comprensione da C1 e uno speaking da… A2!

Errore 4: aspettare di sentirsi pronti

Spoiler alert: non ti sentirai mai abbastanza prontə da poterti lanciare senza paracadute. Se aspetti sempre il momento perfetto… aspetterai in eterno!

Abbandona frasi come “ho paura di sbagliare”, “non mi sento capace” e simili perché:

  • errori ne farai sempre, ma la cosa non dovrebbe farti vergognare,
  • ci sarà sempre qualcosa che non saprai e che dovrai imparare e
  • non raggiungerai mai un livello di perfezione, perché nemmeno i madrelingua ce l’hanno!

La soluzione? Fai pratica tutti i giorni.

Prendi dimestichezza con la tua lingua inglese, in modo da non trovarti presə alla sprovvista quando arriverà il momento di far splendere i tuoi risultati linguistici!

Errore 5: non correggere i propri errori

So già cosa stai pensando: “ma come Laura, io sono unə studente, l’insegnante sei tu! come posso correggermi io i miei errori?”

Non ti sto chiedendo di correggerti un esame IELTS da solə, ma di iniziare a prendere alcune accortezze:

  • trasforma il tuo ascolto della lingua da passivo in attivo: non prendere per oro colato tutto quello che senti, ma chiediti “perché questo concetto viene espresso in questa maniera? Come mai viene utilizzata questa formazione? In che modo l’avrei espresso io?”. Queste domande ti aiuteranno a sviluppare un approccio critico ma costruttivo alla lingua straniera.
  • Ogni volta che ti capita di accorgerti di un tuo errore e se te lo fanno notare, prendine nota. Capisci il motivo del tuo errore, dal punto di vista grammaticale/lessicale/della pronuncia, e correggitelo mentalmente e perché no, anche scrivendolo nero su bianco. Poi metti in pratica la correzione.
  • Puoi anche cercare su google esercizi specifici di correzione degli errori comuni.

Applica tutti questi consigli in un contesto libero da giudizi

Siamo a settembre e, se sei come me, vedi questo mese come un secondo inizio anno.

Se tra i tuoi obiettivi linguistici e propositi per l’anno (scolastico) nuovo ci sono:

  • migliorare la tua conoscenza della lingua inglese e
  • superare la tua paura di parlare inglese,

allora i miei corsi di gruppo Speak for Yourself sono la soluzione che stai cercando.

I miei studenti trovano nelle classi un ambiente sicuro e libero di giudizi, dove imparare la lingua inglese e metterla in pratica insieme, facendo tutti gli errori necessari per migliorare.

Applichiamo gli esercizi di speaking secondo le preferenze dei singoli, giochiamo con la lingua e grazie al canale telegram con accesso a vita ci teniamo aggiornati anche una volta finiti i percorsi, grazie alla possibilità di rientrare in classe e fare pratica con persone sempre diverse.

Se vuoi far parte dei nostri, ti invito a compilare il modulo di iscrizione al tuo livello preferito a questa pagina. Se invece sei un party pooper e vuoi tutto quello che ti sto offrendo ma con un percorso individuale, ti spiego perché non lo troverai con me in questo articolo.

See ya!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*