5 esercizi per superare la paura di parlare inglese

Vuoi superare la paura di parlare inglese? È una questione di pratica, ma questo già lo sai. Se cominci con questi cinque esercizi potrai fare un progresso graduale.

Ti hanno sempre detto che se vuoi superare la tua paura di parlare inglese devi fare pratica e hai deciso di raccogliere il coraggio di domani, ma… Vuoto totale! Non sai di cosa parlare, non sai che esercizi fare!

Con questo articolo andremo a vedere cinque diversi esercizi. Avrei bisogno di una connessione a Internet, il coraggio per mettersi in gioco e la pazienza per vedere i risultati inevitabili che primo poi arriveranno! Are you ready?

Esercizio 1: imitare native speakers

Non ti viene chiesto di fingere sei.

Questo esercizio ti aiuterà a migliorare la pronuncia e fare pratica senza troppo stress, perché starai solo ripetendo quello che altre persone dicono.

Non dovrai pensare alla formazione della frase, alla grammatica necessaria o alla tua ansia di fare errori di qualsiasi genere.

Come svolgere l’esercizio:

  • cerca e trova su YouTube un video adeguato per livello e tema (preferisci i video dove c’è solo una persona che parla di fronte alla telecamera, possibilmente con una velocità accettabile),
  • ascolta per spezzoni di 20-30 secondi,
  • ripeti.

Questa è una versione più tranquilla dello shadowing, che è l’esercizio di miglioramento della pronuncia per eccellenza.

Esercizio 2: Q&A session

Con questo esercizio ti viene richiesto di rispondere ad alta voce a delle domande che ti vengono poste.

Ti aiuterà a migliorare la tua capacità di semplificazione e sintesi del messaggio, ampliare l’utilizzo del tuo vocabolario e mettere in pratica quello che sai di grammatica.

Come svolgere l’esercizio:

  • cerca lezioni Q&A su Google o YouTube
  • leggi o ascolta la domanda
  • rispondi ad alta voce.

Se sei alla ricerca di domande per fare pratica sulla grammatica, sul mio canale Telegram trovi un documento tra i miei file condivisi: 31 domande sui condizionali per 31 giorni.

Esercizio 3: key ideas

Questo non è un esercizio di memoria ma di sintesi ed espressioni di concetti.

Come svolgere l’esercizio:

  • ascolta una conversazione, che puoi trovare su un podcast, alla radio o su YouTube
  • prendi nota dei concetti chiave, segnandoti solo le parole principali
  • riassumi e spiega ad alta voce quello che hai ascoltato come se lo stessi raccontando ad un tuo amico.

Esercizio 4: random topics

“Non so di cosa parlare” non esiste come scusa.

Trova un articolo qualsiasi in un blog o una rivista e discutere con un partner linguistico.

Oppure, cerca “[topic (inserisci un argomento come cucina, cultura, giardinaggio…)] + question” su Google e rispondi alle domande che ti vengono fatte.

Questo esercizio è ottimo per allenare, ampliare il vocabolario e migliorare.

Esercizio 5: discussion

Cerca un “random topic generator” online, come quello sul sito capitalizemytitle.com e rispondi alle domande proposte.

Ancora meglio, discuti due posizioni diametralmente opposte con il tuo partner linguistico per affinare le tue capacità di conversazione. Puoi trattare temi sui quali non ti trovi assolutamente d’accordo raggiungere un grado di difficoltà in più.

+1: supera la tua paura di parlare inglese in un contesto sicuro e libero di giudizi

Ho ideato i miei corsi di gruppo Speak for Yourself proprio con il raggiungimento di questo obiettivo in mente: aiutare i miei studenti a superare la loro paura di parlare inglese.

Il contesto della classe offre ad ogni studente un ambiente sicuro, controllato e libro di giudizi, dove ognuno è libero di esplorare la lingua inglese, fare errori e migliorare ogni volta di più.

La parte di speaking di ogni lezione permette di divertirci e giocare con la lingua inglese, ma non è l’unica occasione in cui si fa pratica: grazie agli student event e ai ticket di speaking, gli studenti possono ritrovarsi al di fuori del programma e fare pratica giocando e divertendosi tutti insieme, indipendentemente dal loro livello.

Se vuoi entrare in classe le iscrizioni sono aperte ancora per poco: trovi tutte le info su questa pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*